Anobii Blog

Un Fenomeno non solo in libreria

Categoria STORIE | Scritto da Antonio Dini - Novembre 6, 2019
https%3A%2F%2Fblog.anobii.com%2Fit%2F2019%2F11%2F06%2Fun-fenomeno-non-solo-in-libreria%2F

Stamattina mi hanno chiesto qual è una storia nuova, raccontata in uno di quei libri che non sono romanzi e neanche saggi, ma qualcosa a metà, adatti per chi cerca qualcosa di differente. Libri che parlano di persone vere per farci conoscere vite che sarebbero troppo perfette anche per le fiction più fantasiose. 

Ci ho pensato un po’ e ho risposto con un libro secondo me particolare. Cristiano Ronaldo è stato raccontato in molti libri ma ce n’è uno, appena uscito edito da 66thand2nd, che vale la pena. È stato scritto da Fabrizio Gabrielli, che è vicedirettore de L’Ultimo Uomo, rivista digitale di Sky dedicata allo sport e alla sua narrazione. Ha scritto articoli e reportage per vari blog e per EsquireFootballista e Undici occupandosi di calcio e Sudamerica, spesso assieme. Nel 2012 ha pubblicato il libro di storie sportive Sforbiciate.

Cristiano Ronaldo, storia di un mito globale è un libro particolare, come dicevo. Spiega Gabrielli: « Cristiano Ronaldo è una figura abbacinante, che abbraccia e racchiude mondi. È uno dei calciatori più dominanti e significativi della storia del gioco, e soprattutto è il primo – e forse insuperabile – esempio di brand nel calcio. Nella gelida determinazione, nell’ambizione sconfinata, nella feroce etica del lavoro e nella maniacale cura del suo corpo sovrumano scopriamo la cifra del suo impatto sull’immaginario globale, e sul futuro di uno sport che CR7 – più di ogni altro giocatore in attività – ha saputo ridefinire». 

C’è però anche un altro aspetto. Cristiano Ronaldo non è George Best o Eric Cantona, non è un personaggio da romanzo, non ha una vita fuori dal suo percorso, cioè quello di fuoriclasse che mira dritto al successo senza esitazioni e senza contraddizioni. Gabrielli però scava con passione nella vita dell’uomo, più che del calciatore, scomponendone l’immagine pubblica per capire la grandezza e le zone d’ombra. E ricomponendola in un ritratto psicologico e poetico al tempo stesso, il ritratto di un ragazzo fragile che una ossessività quasi sovrumana porta a diventare l’ultimo mito globale del calcio.